home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
MEDICINA E SALUTE Precedente  Successivo
 
22/03/2012Azienda Ospedaliero Universitaria Molinette
 
 
VENERDÌ 23 MARZO ORE 21: “GESTIONE CLINICA DELLA RETINOPATIA DIABETICA”
 
 
Venerdì 23 marzo 2012 alle ore 21, presso l’Aula Magna dell’Accademia di Medicina di Torino in via Po 18 (1° piano), si terrà la sesta seduta scientifica dell'anno 2012 dell’Accademia di Medicina di Torino dal titolo “Gestione clinica della retinopatia diabetica”. Relatori saranno il professor Federico Grignolo (direttore della Clinica Oculistica dell'ospedale Oftalmico di Torino) ed il professor Massimo Porta (direttore della Medicina Interna e Diabetologia 1 universitaria e del Centro di Retinopatia diabetica dell'ospedale Molinette di Torino). Le sedute sono pubbliche. Info: www.accademiadimedicina.unito.it. La retinopatia diabetica rimane una delle principali cause di perdita della vista ed in particolare, nei Paesi industrializzati, la prima causa di cecità in età lavorativa. Si tratta tuttavia di una causa prevenibile di cecità, per cui ogni sforzo deve essere fatto per scongiurare questo esito infausto. Il problema fondamentale è di prevenzione, in quanto la retinopatia diabetica non produce sintomi visivi, quindi “disturbi” alla vista, se non quando è troppo tardi per intervenire in modo efficace. Il metodo più efficace a nostra disposizione per prevenire la cecità nel diabete, a parte controllare nel miglior modo possibile i valori della glicemia e della pressione arteriosa, è costituito dallo screening, alla ricerca di quelle lesioni della retina che, seppur già suscettibili di trattamento, non hanno ancora dato sintomi e potrebbero produrre danni gravi se lasciate al loro decorso naturale. Lo screening della retinopatia diabetica è giustificato perché: 1) è attuabile con procedure semplici, ripetibili, poco costose e non invasive (fotografie della retina mediante appositi apparecchi); 2) sappiamo bene in quali stadi intervenire e con quali procedure (fotocoagulazione laser) e 3) i costi sono più che compensati dai vantaggi, economici ma non solo, che deriverebbero dal prevenire la cecità in persone ancora attive. Nonostante queste premesse, in Italia non sono mai state attuate politiche sistematiche di screening della retinopatia diabetica, a differenza dai Paesi nord europei. In Inghilterra ad esempio è stato avviato un programma capillare di screening, con l’allestimento di una rete di 93 Centri, nei quali i pazienti diabetici vengono sottoposti a retinografia ed inviati a consulenza dall’oculista quando vengono identificate lesioni “a rischio” della retina.  Dal punto di vista della terapia medica, si sono osservati effetti positivi di alcuni farmaci (antiipertensivi e ipolipemizzanti), comunque impiegati nel trattamento dei pazienti diabetici, anche se i risultati delle sperimentazioni non possono essere utilizzate per registrare l’indicazione specifica per la retinopatia. Negli ultimi anni, con l’avvento delle iniezioni intravitreali di agenti antiangiogenici/antinfiammatori, si è assistito alla possibilità di migliorare la funzione visiva, non solo di arrestarne il declino. L’uso di questi farmaci è naturalmente riservato agli oculisti, ma la possibile influenza sulla retinopatia di fattori sistemici modificabili (pressione arteriosa e colesterolemia, più ancora che glicemia), nonché l’aumento del rischio cardiovascolare caratteristico dei pazienti diabetici, soprattutto con retinopatia avanzata, fa intravedere la necessità di una collaborazione più stretta fra gli specialisti delle due branche. La retinopatia diabetica (RD) è una grave complicanza del diabete e la sua incidenza aumenta con la durata della malattia. Dopo 20 anni di malattia circa il 70% dei diabetici ha sviluppato la retinopatia diabetica a vari stadi. I fattori di rischio più frequentemente associati ai gradi di maggiore evoluzione della RD sono risultati:


  •  la durata della malattia



  •  l'età di insorgenza



  •  i valori maggiori di emoglobina glicosilata



  •  l’ipertensione sistemica



  •  la presenza di insufficienza renale.


La RD si divide in due forme principali a seconda dello stadio di evoluzione: non proliferante e proliferante. La RD non proliferante (o background) si presenta con microaneurismi, piccole emorragie, essudati duri ed anomalie microvascolari intraretiniche. Con l’aumento dell’ischemia retinica, il paziente può sviluppare una RD proliferante caratterizzata dalla formazione di neovasi a livello del disco ottico e media periferia retinica. L’edema maculare diabetico (EMD) rappresenta una complicanza di questa patologia ed è la principale causa di diminuzione del visus nei pazienti affetti. La diagnosi si basa, oltre che su un’accurata anamnesi, su indagini strumentali, quali l’esame del fondo dell’occhio in midriasi, e in casi più avanzati sull’angiografia con fluoresceina. In caso di EMD è utile la scansione della retina con l’OCT (tomografia a coerenza ottica).
Il trattamento della R.D. consiste in: osservazione frequente del fondo oculare; terapia medica e compenso metabolico; fotocoagulazione laser retinica nelle forme di RD avanzate per prevenire le complicanze ed in caso di EMD; iniezioni intravitreali in presenza di EMD; vitrectomia per trattare le complicanze, quali emovitreo e distacco di retina trazionale. E’ molto importane la prevenzione, costituita da un attento controllo metabolico e, soprattutto, da uno screening regolare. Il controllo metabolico è responsabilità del medico di base e del diabetologo che, mediante una terapia medica appropriata (antidiabetici orali o con insulina) debbono lavorare in stretto rapporto con l’oftalmologo.
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

05
ottobre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login