home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
POLITICA LOCALE Precedente  Successivo
 
08/11/2011Futuro e Libertà - Circolo di Bra
 
 
4 NOVEMBRE: IERI ED OGGI
 
 
“La guerra contro l'Austria-Ungheria che, sotto l'alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l'Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta.” Inizia così il Bollettino della Vittoria, il documento ufficiale con cui il Comandante Supremo dell'Esercito Italiano, generale Diaz, annunciava il quattro novembre 1918 la disfatta nemica e la vittoria dell'Italia nella Prima guerra mondiale. Quattro novembre. Questa data evoca nella nostra storia il giorno dell’unità italiana compiuta secondo lo schema risorgimentale del “ritorno delle terre irredente” sotto un’unica bandiera. Una lunga linea temporale ricollega il 17 marzo 1861 al 4 novembre 1918 e con essa l’esperienza del sacrificio di intere generazioni di italiani che hanno creduto e lottato per la nostra terra. A questo giorno accomuniamo nomi e toponimi che sono, nel sentire di quel patriottismo puro e identitario, simboli della nostra nazione al pari del Tricolore e del Vittoriale e che fanno di Trento e Trieste, dell’Istria e della Dalmazia; di Battisti, Filzi e Chiesa; di Diaz e di D’Annunzio persone e luoghi che hanno perorato l’idealità di un’Italia libera, forte e vincente. In tempi in cui l’egoismo territoriale sembra aver preso il sopravvento anche sul ricordo storico, ricordare il sacrificio di molti giovani, partiti a combattere anche dal meridione e spesso mai tornati dalle cime delle Alpi Carniche o Giulie, dovrebbe dare un senso a questa unità contemporanea oltre la velleità del solo “popolo padano”.
Oggi il nemico non ha più le fattezze dell’aquila d’Austria ma è più subdolo e silenzioso: la crisi economica in cui stiamo vivendo, che mette a dura prova i sogni e il futuro dei giovani italiani. Se nel 1918 la generazione dei “ragazzi del 99″ (ovvero i nati nel 1899) furono fondamentali alla causa italiana un anno dopo la disfatta di Caporetto, oggi le nuove generazione nate a ridosso dei secoli dovranno “combattere” con lo stessa concretezza battaglie contro la disoccupazione, il precariato, la decadenza morale e culturale di questo nostro paese. Un’ altra volta l’Italia deve affidarsi alla sua “meglio gioventù” per ritrovare quello spirito unitario e di comunione civile che sembra essersi perso. L’Italia, in questo giorno celebra la fine di un cammino ideale verso un’unità compiuta a cavallo di due secoli, che ci ha reso vincitori di una guerra fatta dalle gesta eroiche di tanti attori sconosciuti. Oggi bisogna tornare a credere in valori comuni, come nei primi anni del XX secolo: solo se sapremo riprenderci ognuno per se, gli ideali di una gestione di una cosa pubblica onesta, meritocratica e repubblicana riusciremo a far grande e vincente nuovamente questo paese.

Federico Pace
futuroeliberta.bra@gmail.com
Responsabile Futuro e Libertà Circolo di Bra
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

18
aprile
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login