home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ Precedente  Successivo
 
20/09/2011Comune di Alba
 
 
PADRE E FIGLIO TUNISINI DENUNCIATI PER FURTO AGGRAVATO DAI CARABINIERI DI ALBA
 
RUBAVANO ATTREZZATURA ED ALTRO MATERIUALE EDILE
 
Due manovali tunisini regolari che abitano a BRA, padre 50enne con precedenti penali e figlio 20enne incensurato, sono stati denunciati dai Carabinieri della Compagnia di ALBA per il reato di concorso in furto aggravato. Per qualche mese i due erano stati alle dipendenze di un imprenditore edile della provincia di ASTI che li aveva assunti per la costruzione di un complesso di villette sulle colline albesi. Poi però l’impresario, poco soddisfatto del loro rendimento anche perché gli aveva ripresi più volte perché arrivavano in ritardo sul cantiere, aveva licenziato padre e figlio. All’indomani del licenziamento dei due tunisini l’imprenditore edile astigiano aveva cominciato a subire ripetuti furti notturni di attrezzi di lavoro e vario materiale edile di costruzione proprio nello stesso cantiere dove avevano lavorato i suoi ex dipendenti e si è rivolto ai Carabinieri di ALBA per denunciare i fatti. I militari si sono messi subito al lavoro e, dall’analisi dei furti perpetrati in quel cantiere, emergeva una particolare perizia dei “soliti ignoti” che faceva presupporre trattarsi di ladri ben a conoscenza dei luoghi e quindi i sospetti si concentravano sui dipendenti di quell’impresa, in particolare sui due nordafricani da poco licenziati e che avevano per questo dimostrato un certo asti nei confronti del loro ex datore di lavoro. I sospetti dei Carabinieri si sono rivelati più che fondati quando, durante una perquisizione presso l’abitazione dei manovali tunisini delegata dalla Procura della Repubblica di ALBA, rinvenivano e sequestravano buona parte della refurtiva (attrezzi da lavoro, sacchi di cemento, mattoni, etc.) per un valore complessivo di 2mila euro circa. Gli indagati hanno dichiarato ai militari di aver agito in quel modo (sottraendo materiale del cantiere dove avevano lavorato sino a poco tempo prima) poiché erano stati licenziati ingiustamente. La refurtiva recuperata sarà a breve dissequestrata dal Pubblico Ministero che si occupa del caso per poi essere restituita dai Carabinieri al legittimo proprietario. 
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

21
luglio
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login