home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ Precedente  Successivo
 
30/03/2011Legione Carabinieri "Piemonte e Valle d'Aosta" - Compagnia di Alba
 
 
STALKING AI DANNI DI NEGOZIANTE E SUO FIGLIO FINITO IN OSPEDALE PER UNA RAGAZZA CONTESA DIVERSI ANNI PRIMA
 
Denunciato per una serie di reati disoccupato di Bra che perseguitava ed aggrediva i due
 
I Carabinieri della Compagnia di ALBA hanno indagato su un caso di STALKING inusuale verificatosi in città. Stavolta infatti sia le vittime che l’autore del reato sono uomini, non come solitamente avviene con uomini stalker e donne perseguitate. E’ la prima volta che si verifica un caso simile dall’entrata in vigore della normativa sul reato di STALKING ad aprile 2009. 

Un 50enne titolare di un’attività commerciale in centro ad ALBA ed il figlio, un operaio 23enne, da circa un mese erano vittime di ripetuti, per certi versi inspiegabili, atti persecutori da parte di un 25enne disoccupato di BRA, amico d’infanzia del figlio del commerciante albese.

Più volte infatti il negoziante aveva richiesto l’intervento dei Carabinieri perché quell’ex amico del figlio lo aspettava dinanzi al suo negozio pedinandolo sino a casa, lo affrontava minacciandolo senza ragione e gli aveva anche imbrattato con la pittura la saracinesca del negozio scrivendo frasi ingiuriose.

In un’occasione poi lo stalker, mentre era appostato sotto casa del commerciante, s’imbatteva nel figlio che rincasa e, dopo avergli tagliato la strada con la sua auto, lo aggrediva con pugni ed una violenta testata tanto che il giovane veniva trasferito in ospedale dove veniva medicato dai sanitari e giudicato guaribile in 8 giorni. Intervenivano sul posto i Carabinieri della Stazione di ALBA che fermavano subito lo stalker, anche lui con una vistosa ferita al capo per la testata data poco prima e lo accompagnavano in caserma dove nel frattempo era arrivato il negoziante ed il figlio per denunciare le strane persecuzioni che da un mese subivano entrambi ad opera di quel giovane.

Dalle indagini dei Carabinieri, che hanno raccolto le deposizioni di alcuni testimoni, è emerso che la causa scatenante delle violenze ed atti persecutori attuati dall’indagato era stata una ragazza contesa tra lo stalker ed il figlio della vittima quando i due erano adolescenti e si erano frequentati per un certo periodo. Stranamente, a distanza di dieci anni, si era improvvisamente riacutizzato l’odio nei confronti del giovane albese ed anche del padre per quella ragazza.

Il disoccupato braidese, sottoposto ad un T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio) per il suo evidente stato di alterazione psicofisica ed aggressività, è ricoverato in ospedale ed è stato denunciato alla Procura della Repubblica per i reati di atti persecutori (STALKING), lesioni personali, danneggiamento ed ingiuria. L’Autorità Giudiziaria emetterà ora a suo carico una misura cautelare con cui gli vieterà di avvicinare ancora le vittime sui luoghi di lavoro e presso le abitazioni per evitare ulteriori persecuzioni od aggressioni ai loro danni.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

15
luglio
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login