home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
POLITICA LOCALE Precedente  Successivo
 
04/03/2011Futuro e Libertà - Provincia di Cuneo
 
 
NON CI STANCHEREMO DI PRETENDERE UNA RIDUZIONE DEI LIVELLI AMMINISTRATIVI
 
 
Le polemiche di questi giorni tra PDL e Lega sulla Comunità Montana Valli Po e Varaita sono l’ennesima dimostrazione di come l'eccessiva stratificazione dei livelli amministrativi, e la conseguente gara ad occupare le poltrone da parte della politica, renda la situazione instabile e soggetta ad interessi personali e di partito prima che ad interessi comuni. Instabilità che addirittura arriva a ripercuotersi nel consiglio provinciale, e che forse ha la sua origine più profonda in ben altre spartizioni: presidenza di Banca Regionale Europea e Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo oggi (non è mistero che da qui a breve dovranno essere definite), altre fondazioni bancarie piuttosto che società partecipate o commissioni varie domani.
Conseguenza di questa situazione è, tra l'altro, che decisioni ed accordi vengono troppo spesso presi sulla base di partite di scambio che ben poco hanno a che vedere con le funzionalità degli enti interessati, ma si basano su logiche di amicizie, di potere e di regalie che sono quanto mai distanti dalle necessità della comunità e da meccanismi di merito e di pertinenza. Così facendo, le necessità dei cittadini riguardo strutture e servizi efficienti passano in secondo piano rispetto alla necessità quotidiane.
Quando Futuro e Libertà chiede l'abolizione delle province (scritta a grandi lettere nel programma dell'attuale coalizione di governo, ma presto dimenticato) chiede l'abolizione non solo di una entità amministrativa con poche funzionalità e con scarsa efficienza, ma chiede anche l'abolizione di un livello di distribuzione di poltrone di scarso valore politico utilizzate come scambio.
Quando Futuro e Libertà reclama uno stato più leggero, chiede anche meno ingerenze della politica nelle fondazioni bancarie, nelle comunità montane, nelle società controllate, e non l'utilizzo di queste entità per creare un bacino di consenso.
Quando Futuro e Libertà esige meritocrazia, chiede che ruoli di rilievo vengano assegnati su base curriculare, e non per equilibrismo politico o voto di scambio e spesso con duplicazione di poltrone costose.
Mai ci stancheremo di pretendere una riduzione dei livelli amministrativi e delle ingerenze partitiche nelle fondazioni bancarie e nelle società partecipate, affinché i referenti dei partiti smettano di giocare,come piccoli generali, a Risiko sulla pelle dei cittadini: efficienza, ottimizzazione, merito, etica, sono parole che fino ad oggi sono servite solo e sempre per riempire i programmi elettorali ma la cui attuazione passa sistematicamente in secondo piano, in modo funzionale a lanciare propagandistiche accuse al sistema pubblico ed all'avversario politico di turno, con la conseguenza che i cittadini stessi le vedono sempre più svuotate di significato, rassegnandosi a vivere nel "sistema Italia". Ma a noi questo gioco non piace e non siamo disposti a rassegnarci.

Futuro e Libertà
futuroeliberta.granda@gmail.com
Coordinamento Provincia di Cuneo
Futuro e Libertà
Coordinamento Provincia di Cuneo
futuroeliberta.granda@gmail.com
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

17
aprile
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login