home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
ECONOMIA E LAVORO
Precedente  Successivo
 
18/02/2011Provincia Verbano Cusio Ossola
 
Per cominciare 7 soci fondatori e 1500 piante a dimora.
 
NASCE SU INIZIATIVA DELLA PROVINCIA L'ASSOCIAZIONE PRODUTTORI OLIVICOLI DEL VERBANO CUSIO OSSOLA.
 
Nobili e Bendotti: “una produzione di nicchia con voglia di crescere e potenzialità in termini di recupero di terrazzamenti incolti e di promozione territoriale”.
 
Si è costituita lo scorso 11 febbraio presso la sede provinciale l’Associazione Produttori Olivicoli del Verbano Cusio Ossola.
Sette i soci fondatori, ma almeno una decina sono i ‘principianti’ e simpatizzanti che a breve inoltreranno la richiesta di adesione a questo sodalizio volto a promuovere un’attività agricola fin qui condotta sperimentalmente da alcuni appassionati locali di olivicoltura. Pratica sorprendente in zona prealpina, ma per nulla senza precedenti: storici e geografici.

Documenti datati attorno al Mille menzionano oliveti sul Montorfano e in Ossola, e altri, ne testimoniano la presenza nel periodo che va dal X al XV secolo a Cannero Riviera, Ghiffa, l’Isola Madre e sul Lago d’Orta.
Questo per dire che le condizioni di clima e suolo del Verbano Cusio Ossola sono tutt’altro che incompatibili con queste coltivazioni e possono conciliarsi con una produzione di olive e olio che ha già maturato una significativa esperienza in tempi recenti in altre zone del Nord Italia: dal Lago di Garda alla Valtellina, da quello di Como all’Iseo.

“L’olivicoltura sul Lago Maggiore è attualmente una piccola realtà portata avanti sia da agricoltori professionisti che amatoriali, tutti accomunati da grande passione. A tutt’oggi – fa sapere l’Assessore all’Agricoltura Germano Bendotti – consta di circa 1500 piante di olivo, distribuite nella fascia lacustre che interessa i comuni di Verbania, San Bernardino, Oggebbio, Stresa, Baveno, Brovello Carpugnino, Cambiasca, Miazzina. Produzione limitata nel numeri ma con tanta voglia di crescere, la conferma viene dalla partecipazione ai corsi, gratuiti, di olivicoltura che abbiamo organizzato lo scorso anno”.

“L’olio prodotto nell’annata 2010 ammonta a circa 300 litri. Da un punto di vista organolettico è eccellente: molto leggero e con caratteristiche interessanti. Le cultivar più diffuse in zona sono quelle che si adattano meglio al clima prealpino: Frantoio, Leccino e Pendolino. Il primo in zona ad aver recuperato questa attivata è il Dottor Sommaruga con 120 ulivi messi a dimora già da alcuni anni a Cavandone, sul Monterosso. Frantoio ancora non ne abbiamo, ma ne esistono di mobili che potrebbero fare al caso nostro nel momento in cui si raggiungessero livelli produttivi sufficienti a giustificare la spesa. Sappiamo che il comune di Pisano, nel Vergante, sta lavorando alla realizzazione di un frantoio comunitario e all’inizio si potrebbe pensare a un conferimento delle olive lì, perché molto vicino. Questo perché tra raccolta e spremitura, per garantire un prodotto di qualità, non devono passare più di 24,48 ore ” spiega la dottoressa Michela Berra, tecnico del servizio agricoltura della Provincia che ha svolto tra gli olivicoltori locali un’azione di tutoring che ha portato alla costituzione dell’Associazione.

“La Provincia, così come i soci fondatori di quest’Associazione, si pongono l’obiettivo di incentivare in zona questa coltivazione con due finalità principali: il recupero ambientale e paesaggistico di terreni e terrazzamenti e la messa a punto di una produzione apprezzabile in termini qualitativi, con l’ambizione di poter candidarsi nel giro di qualche anno al conseguimento del marchio ‘Olio del Lago Maggiore’. Consapevoli che non si può essere competitivi sul piano della quantità, siamo però convinti che un prodotto di nicchia di questa natura può essere un traino ai fini della promozione del territorio” commenta il Presidente Massimo Nobili.

L’Associazione Produttori Olivicoli del Verbano Cusio Ossola si propone infatti di favorire il ripristino di terreni marginali e incolti, attuare programmi di aggiornamento e perfezionamento tecnico degli operatori, informare sulle possibilità di accesso a eventuali finanziamenti pubblici, sostenere la diffusione di metodi di buona pratica agricola, miglioramento qualitativo e promozione commerciale delle produzioni.

“Ringraziamo la Provincia per averci stimolato a costituire questa Associazione che raggruppa persone che dedicano all’olivicoltura il terreno e il tempo a disposizione, tutti comunque animati dalla volontà di mettere in campo ‘buone pratiche’. Con un censimento – spiega la portavoce dell’APO del VCO Renata Lodari, che ha ulivi messi a dimora in terreni di famiglia a Bieno – si è verificato quali sono le varietà che meglio rispondono alla caratteristiche di superfici coltivabili complicate. Ed è qui che sta soprattutto il valore di questo nostro lavoro: saremo produttori di piccole quantità ma partecipi di un grande risultato se, ricostruendo muretti a secco, sistemando terrazzamenti, ripulendo appezzamenti, riusciremo a valorizzare quello straordinario patrimonio che è il nostro paesaggio”.


Ufficio Stampa Provincia Verbano Cusio Ossola
Cristina Pastore tel. 0323-4950.206
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

30
settembre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login