home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
ECONOMIA E LAVORO Precedente  Successivo
 
07/02/2011Associazione Industriali di Novara
 
 
EXPORT NOVARA III TRIMESTRE 2010
 
Ancora in crescita l'export manifatturiero del novarese: +15,6% nei primi nove mesi del 2010
 
Nel terzo trimestre 2010 le esportazioni in provincia di Novara sono cresciute complessivamente del 17,4%, di poco inferiori alla media nazionale (+18,1%) e all’incremento registrato nel Novarese del secondo trimestre dell’anno: +21,3%. Nel periodo gennaio-settembre 2010, invece, l’export novarese è cresciuto del 15,6%, contro il +14,3% italiano. Lo rivelano i dati dell’Osservatorio sull’export elaborati dalla Fondazione Edison in collaborazione con l'Associazione Industriali e la Camera di Commercio di Novara.
«Le sole esportazioni manifatturiere del Novarese – spiega Marco Fortis, economista e vicepresidente della Fondazione Edison, che coordina la ricerca –  nei primi nove mesi del 2010, hanno raggiunto i 2,7 miliardi di euro (+15,6%), trainate dai prodotti alimentari (+39,6%), dai mezzi di trasporto (+36,8%), dagli articoli farmaceutici e botanici (+34,7%) e dalle sostanze e prodotti chimici (+34,5%). L’export del comparto macchine e apparecchi meccanici, che in valore rappresenta quello più importante per il territorio, è cresciuto del 12,2%, mentre l’export delle “macchine di impiego generale”, aggregato in cui rientrano la rubinetteria e il valvolame, è cresciuto del 9,8% proseguendo l’andamento positivo nei primi due trimestri dell’anno». Anche il comparto dei prodotti tessili e dell'abbigliamento ha continuato a crescere (+9,7%, dopo il precedente +4,7%) grazie al buon andamento degli articoli di abbigliamento, in aumento del 17,4%. Ancora in contrazione è risultato, invece, l’export dei filati di fibre tessili (-4,6%) e dei tessuti (-19,3%), anche se la caduta è rallentata rispetto ai precedenti -13,2% e -22,6%.

L’Unione europea a 27 membri si conferma la destinazione principale delle manifatture novaresi (64%), in crescita del 13,6% tra gennaio e settembre 2010. In crescita risultano anche le esportazioni verso i Paesi Extra Ue-27 (+19,3%), che nel periodo in esame hanno rappresentato il 36% dell’output manifatturiero della provincia. Tra i singoli mercati di sbocco gli incrementi più forti si sono avuti nell’export verso i Paesi Bassi (+23,1%), il Regno Unito (+22%) e la Spagna (+20,7%). Germania, Francia e Svizzera, con rispettivamente 441, 395 e 323 milioni di euro di export, si confermano i principali Paesi di destinazione, con crescite rispettivamente del +10%, +10,4% e +19,8%.

Germania e Francia si trovano, rispettivamente, al primo e al secondo posto anche nella classifica dell’import di manufatti da parte del Novarese. Ma dalla Germania si è registrata un calo dell’import del 4%, mentre dalla Francia si è osservata una crescita del 49,7%, riproponendo un andamento analogo a quello del primo semestre 2010. «Importanti – aggiunge Fortis – sono le crescite delle importazioni provenienti da Irlanda e Lussemburgo (rispettivamente +268,3% e +194,1%), ma anche da Tunisia e Cina (+42,4% e +17,6%). In calo, invece, l’import da Paesi Bassi (-1,2%) e Belgio (-9,4%). Da segnalare, nel solo terzo, il superamento della Cina ai danni della Francia tra i principali paesi dell’import novarese».
 
Per quanto riguarda le principali specializzazioni manifatturiere della provincia di Novara, le “macchine di impiego generale” (rubinetteria e valvolame), e il tessile-abbigliamento, la ricerca (disponibile integralmente sul sito www.ain.novara.it, nella sezione “Studi e ricerche”) riporta i seguenti dati.

«Nell’export di macchine (ed apparecchi) di impiego generale il terzo trimestre del 2010 evidenzia un andamento discordante tra il livello provinciale e il livello nazionale: nonostante l’incertezza della congiuntura l’export novarese è infatti cresciuto dell’8,5%, confermando l’andamento già evidenziato nei primi due trimestri dell’anno, mentre quello italiano si è ridotto dell’1,7%. Il dato cumulato relativo ai primi nove mesi del 2010 indica, invece, una crescita delle esportazioni del comparto pari al +9,8% a livello provinciale e pari al +6,5% a livello nazionale. Come nel primo semestre dell’anno, anche nel periodo gennaio-settembre le esportazioni sono aumentate verso tutti i principali paesi di destinazione delle macchine novaresi, fatta eccezione per la Grecia (-6,9%), alle prese con una profonda crisi economica, gli Stati Uniti (-6,8%), dove la crisi dell’edilizia continua a farsi sentire, e il Regno Unito (-3,8%). Particolarmente sostenuta appare la crescita dell’export verso la Cina (+70,2%), che infatti subentra alla Russia tra i principali paesi di destinazione dell’export novarese di rubinetteria-valvolame. Molto buona anche la crescita dell’export verso la Spagna (+31,4%). Francia e Germania si confermano i principali Paesi di sbocco dell’export del comparto; in particolare, l’export verso la Francia, pari a 124 milioni di euro, nel primi nove mesi del 2010 è cresciuto del 5,3%; quello verso la Germania, pari a 83 milioni di euro, è cresciuto dell’8,1%».

«Per quanto riguarda il settore del tessile-abbigliamento, sia a livello nazionale che a livello provinciale nel terzo trimestre dell’anno le esportazioni confermano il buon andamento già osservato nel secondo trimestre, dopo un lungo periodo di contrazioni: l’export nazionale del comparto è infatti cresciuto del 15,4%, mentre l’export provinciale è aumentato del 24,4%. Nel periodo gennaio-settembre, l’incremento a livello nazionale è stato pari al +6,7%, quello a livello provinciale pari al +10,6%. Nei primi nove mesi dell’anno gli incrementi più forti si sono registrati nell’export verso gli Stati Uniti (+38,2%), la Svizzera (+32%), la Spagna (+30,9%) e la Repubblica Ceca (+27,1%). Ancora in calo l’export verso la Germania (-14,2%), la Tunisia (-13,2%) e il Messico (-8,2%). Svizzera, Francia e Germania si confermano i principali Paesi di sbocco dei prodotti tessili e dell’abbigliamento della provincia di Novara, con rispettivamente 50, 27 e 15 milioni di euro di export».
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

24
ottobre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login