home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
TURISMO - ALTRE ATTRATTIVITÀ
ARTE E CULTURA - CONFERENZE
Precedente  Successivo
 
19/10/2017Giornate del Tursimo
 
A Novara il 23 e 24 ottobre 2017 la XVI edizione delle Giornate del Turismo, dedicata a “Patrimonio Culturale e Turismo”.i
 
LA GESTIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE, UNA SFIDA TUTTA DA VINCERE
 
Imprenditori, politici e mondo della ricerca uniti per proporre le best practice per valorizzare i beni culturali in Italia
 


Come valorizzare e gestire al meglio il patrimonio culturale italiano, un “tesoro” che vale 12,5 miliardi di euro annui e rappresenta il 37% della spesa turistica estera totale che nel 2015 ha ammontato ad oltre 35,5 miliardi di euro (fonte Istat).
E' il tema della XVI edizione delle Giornate del Turismo, dedicata a “Patrimonio Culturale e Turismo”, l'iniziativa promossa da Geoprogress Onlus – con il patrocinio dell'Università del Piemonte Orientale, del Mibact e della Fondazione Cariplo – che il 23 e 24 ottobre prossimi farà incontrare a Novara e ad Armeno operatori, decisori pubblici e mondo della ricerca per mettere a confronto le rispettive esperienze e redigere proposte concrete di best practice da adottare.

“Il patrimonio di beni culturali, materiale e immateriale, costituisce oggetto di attività culturali e ricreative sia da parte dei residenti sia dei turisti – esordisce il Professor Francesco Adamo, Presidente di Geoprogress Onlus e responsabile dell'iniziativa -; se da un lato questi beni hanno un intrinseco valore, perché posizionano il territorio tra le principali attrazioni turistiche, dall'altro rappresentano un elemento di forte competizione economica, perché sono in grado di creare nuovi posti di lavoro e garantire un effetto moltiplicatore agli investimenti”.

Ma come si conciliano le altre attività locali con questa tipologia di turismo, ci sono difficoltà nell'integrazione? I turisti, che in una prima fase sono alleati dei residenti per la tutela del patrimonio culturale, diventano in seguito concorrenti nella fruizione delle risorse? Quali politiche attuano gli enti di gestione territoriali per preservare questo patrimonio? A queste domande cercheranno di rispondere i partecipanti in rappresentanza del mondo politico, della ricerca e degli imprenditori privati.

“Il successo di una destinazione – osserva Francesco Adamo – non risiede semplicemente nel suo livello di attrattività, ma è rappresentato dalle condizioni dell'ambiente esterno, dai servizi, dal sistema infrastrutturale e dei trasporti. L'esperienza del turista riguarda in primo luogo l'impatto con il territorio. Il problema – aggiunge il presidente di Geoprogress – non è tanto fare arrivare i turisti, ma farli tornare”.

Coinvolgere il territorio, e con esso l'intera popolazione, e non soltanto gli stakeholder, rappresenta già una risposta in termini di best practice. Il piano strategico varato dal Mibact è un passo avanti rispetto al passato perché offre un orientamento di massima, “ma rischia di restare un bel libro dei sogni – sottolinea Francesco Adamo – se non si trasforma in piani operativi specifici che coinvolgano direttamente le Regioni”.
Gli stessi Piani paesaggistici regionali (Ppr) - in Piemonte è stato approvato il 3 ottobre scorso dal Consiglio regionale – rischiano di restare lettera morta se si limitano ad essere “una sorta di elenco della spesa, un inventario dei beni. Il miglior piano paesaggistico possibile – dichiara Adamo – è il rispetto delle regole edilizie”.



Tra i temi che verranno trattati nel corso delle Giornate del Turismo, si cercherà di capire come e in che misura le varie forme di valorizzazione dei beni culturali coprono i costi della tutela. Attualmente lo scenario è suddiviso tra coloro che pensano che i costi dovrebbero essere coperti dallo Stato e dalle tasse e chi invece ritiene che debbano essere a carico dei fruitori, residenti e turisti.

“E' essenziale trovare soluzioni adeguate, miste pubblico-privato – conclude Adamo – ma per far questo bisogna prima attribuire un valore ad ogni bene che si considera parte del patrimonio, stilando una sorta di gerarchia”. A questo proposito saranno fondamentali i contributi scientifici e le analisi delle performance reddituali e di efficienza in ambiti paralleli come quelli delle arti performative.

L'apertura dei lavori è prevista la mattina del 23 ottobre e avrà il suo apice con l'intervento di Luisa Montevecchi, Direttore Relazioni Internazionali e Ufficio Patrimonio mondiale UNESCO, che illustrerà le condizioni e gli effetti del riconoscimento UNESCO. Nel pomeriggio una tavola rotonda sul tema “Politiche e strategie per la valorizzazione turistica del patrimonio culturale. Dal piano strategico ai piani operativi”, metterà a confronto il mondo delle istituzioni con quello della ricerca e degli imprenditori. E' prevista la partecipazione di Armando Peres, Presidente del Comitato Turismo dell'Ocse, Armando Cirillo, Esperto di Politiche per il Turismo, Tullio Galli, Direttore Assoturismo/Confesercenti, Barbara Casillo, Direttore Confindustria Alberghi, Massimo Gottifredi, Responsabile Turismo Legacoop, e Flavia Piccoli Nardelli, Presidente della Commissione Cultura alla Camera, che illustrerà il “Piano grandi progetti beni culturali” 2017-2018, per il quale il Mibact ha previsto la spesa di 135 milioni di euro per 23 interventi di restauro e valorizzazione di beni culturali, che si affiancano a quelli previsti per le regioni del Mezzogiorno dal Pon Cultura e Sviluppo per il quale si sono impegnati 490 milioni di euro. Moderatore dell'incontro, il giornalista specializzato nel settore turismo, Andrea Lovelock.

Per partecipare alle Giornate del Turismo 2017 è necessaria un'iscrizione con una quota che varia secondo il ruolo ricoperto (ricercatori, operatori privati, soci e non soci) quale contributo per l'organizzazione dell'evento.

I cittadini, gli studenti e tutti coloro che operano nel settore turismo, possono partecipare alle presentazioni e ai dibattiti. È richiesto un contributo libero anche minimo, quale donazione a sostegno delle attività di Geoprogress Onlus.

L'iniziativa promossa da Geoprogress Onlus, ha il patrocinio e sostegno della Fondazione Cariplo, la collaborazione di UPO (università del Piemonte Orientale) e il patrocinio di Conferenza delle Regioni e P.A.; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Regione Piemonte; Federturismo Confindustria; Assoturismo.

Per informazioni: www.geoprogress.eu - info@geoprogress.eu
http://www.geoprogress.eu/giornate-del-turismo-2017-xvi-edizione/

Informazioni per la stampa:

Paola Colla M 338 5076595 - T 02 89280428 p.colla@presstudio.com
Annachiara Montefusco M 339 7218836 - T 02 48022325 montefusco@dragonettimontefusco.com
 

Allegato 1
Vai all'evento

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



EVENTI


agenda eventi

19
novembre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login