home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
VOLONTARIATO
ARTE E CULTURA - MOSTRE
ARTE E CULTURA - BIBLIOTECHE
Precedente  Successivo
 
13/05/2017Adriana Cesarò - Giornalista
 
 
FESTA DEI “FIORI DI MAGGIO” CON L'ASSOCIAZIONE DIVIETO DI NOIA
 
Venerdì 12 maggio festa con il tema dell'apericena floreale era: “vestiti a tema e porta un fiore”
 


Una serata di divertimento e socializzazione per l'associazione Divieto di Noia che, ha organizzato venerdì 12 maggio, una bella serata che rispecchia lo spirito della sua denominazione. Grande adesione per l'appuntamento di “Fiori di maggio”, svoltasi nei saloni del ristorante Lucio d'la Venaria. Un tripudio di colori ed ornamenti, hanno allestito i grandi tavoli, ognuno segnato con nome di fiori. Il tema dell'apericena floreale era: “vestiti a tema e porta un fiore”, ma all'ingresso, una vasta gamma di fiori colorati attendevano tutte le signore, un omaggio di benvenuto degli organizzatori.

“Ringrazio il gruppo che ha lavorato alla preparazione di questa serata, piena di armonia e di amicizia – ha detto la presidentessa Marilena Cuna – insieme, abbiamo creato dei fiori, riciclando e trasformando le bottiglie di plastica, un lavoro fatto con tanto amore, divertimento e fantasia. Tanto lavoro, ma grande soddisfazione nel rendere i nostri eventi, così allegri e coesi, senza dimenticare l'interessamento alla cultura ed al sociale a cui dedichiamo la nostra passione”.
Un'apericena inusuale, comodamente sedute con servizio ai tavoli, allietati dalla musica del DJ Kamps, alias Andrea Campasso.

Tra una portata e l'altra, una simpatica ed imprevedibile coppia, ha attirato l'attenzione dei partecipanti con un simpatico dialogo d'altri tempi. Due signore figuranti attrici, Paola Ruffinengo e Margherita Hertel, provenienti direttamente dall'evento “C'era una volta il ballatoio”, hanno improvvisato una scena, relativa ai desideri, ai sogni nel cassetto tra due comari abitanti nelle case SNIA, un dialogo alternato tra dialetto piemontese e siciliano.

“Una interpretazione della vita che si conduceva nelle case di ringhiera, nel ballatoio, proprio ciò che succedeva tra vicini di casa - spiega Paola Ruffinengo - c'era il contatto umano, la conoscenza anche se non sempre ci si capiva”. Paola, che parla piemontese, ha imparato tra la gente, il dialetto siciliano e lo interpreta con grande animosità e simpatia.

“Siamo sempre pronte ad improvvisare - dice Margherita Hertel - ogni venerdì, le scenette ci trasformano ed entriamo nella parte, a seconda del tema, così come è stato importante mettere in evidenza, la vita e il sacrificio di madre, di moglie e lavoratrice in casa e in fabbrica di un'epoca poco lontana nel tempo, ma con gli stessi valori umani”.

Divieto di Noia, continua con gli appuntamenti di “C'era una volta il ballatoio” fino a venerdì 9 giugno, presso la biblioteca Tancredi Milone, dalle ore 15 con ingresso libero.
Presente, come ad ogni evento organizzato dall'associazione, il vice presidente Gennaro Ciotola, già presidente del club modellistico "296 Model Venaria".

Le sorprese per gli intervenuti non sono mancate, tra giochi, indovinelli e danze. Interessante per il coinvolgimento dei partecipanti il gioco del “super bingo delle canzoni “. Ogni cartella non conteneva numeri ma sei titoli di canzoni famose, proposte dal DJ Kamps, ed anche intonate dai partecipanti. Il gioco si è concluso con i seguenti vincitori:
Giuseppe Schilleci, con la cartella colma delle sei canzoni fortunate, si è aggiudicato il primo premio del super bingo, consistente di un sevizio di piatti ed uno da caffè con vassoio. La cinquina è stata vinta da Gilberto Grabar che, si è aggiudicato una pianta. Il terno è andato a Giuseppina Ferreri, che ha vinto una bilancia.

Intelligente ed intrigante “Il gioco della valutazione degli oggetti”, era assolutamente vietato toccare le varie esposizioni a disposizione di tutti i partecipanti. La stima è stata fatta soltanto con gli occhi e una buona intuizione. I fortunati e bravi estimatori sono stati:
Rita Marascio, ha calcolato la lunghezza delle quattro collane esposte, con un margine di scarto di 10 cm da 331 a 321.

Massimo Aresu, è stato bravissimo a quantificare il peso della boccia di vetro, contenente le caramelle, dal peso di 1434 kg, ha vinto considerando il peso di 1400 kg.
Franco Capraro, ha indovinato la quantità di caramelle contenute nella boccia, con un margine di scarto da 185 a 183.

La bellissima serata è continuata con un grande coinvolgimento, con tutti in pista tra balli e trenino, senza dimenticare le danze classiche e moderne.
Vedere altre foto negli allegati.
 

Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3
Allegato 4
Allegato 5
Allegato 6
Allegato 7
Allegato 8
Allegato 9
Allegato 10

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

20
ottobre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login