home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
POLITICA LOCALE
ECONOMIA E LAVORO
Precedente  Successivo
 
20/07/2015conmunicazionemusicale
 
Il caso eclatante di 15 lavoratori della Flexider Srl che chiedono al sindacato i danni per la mancata impugnazione del licenziamento
 
PERDONO IL LAVORO, FIOM SI DIMENTICA DI IMPUGNARE IL LICENZIAMENTO
 
Vittoria in primo grado, l'Avvocato Michele Ianniello ricorre in Appello per ottenere un risarcimento più dignitoso
 
Torino, lì 20 luglio 2015 - L'Italia delle contraddizioni non conosce mai fine. Come dimostra il caso in oggetto, con cui il Tribunale di Torino, nella Persona del Giudice Bruno Conca, "ha pubblicato un'importante sentenza, la prima in Italia nel suo genere, la quale riconosce il diritto al risarcimento per perdita di chances a quei lavoratori che paradossalmente, pur essendosi rivolti nell'esercizio della tutela dei propri diritti agli enti preposti, nel caso specifico la FIOM, il maggior sindacato italiano, hanno invece ottenuto effetto contrario", spiega l'Avvocato Michele Ianniello del Foro di Torino, difensore, affiancato dal legale Alessandra Beltramo,di un gruppo di 15 ex dipendenti della società Flexider Srl. Licenziati nell'agosto del 2009, costoro si rivolgono al sindacato FIOM per impugnare il licenziamento entro il termine dei 60 giorni previsti dalla legge. "Peccato che la Fiom stessa, invece che agire, abbia fatto scadere tali termini, ed essendo allora ancora in epoca di ex articolo 18, i lavoratori in oggetto hanno perso anche il diritto al reintegro in azienda con medesime mansioni", aggiunge l'avvocato Michele Ianniello. "A questi 15, invece, si aggiungono altri due lavoratori, per un totale di 17, che invece il loicenziamento l'hanno correttamente impugnato, ottenendo la piena vittoria in aula". Conclude infine l'Avvocato Ianniello: "Il comportamento della Fiom è stato incredibile non tanto per via dell'errore pacifico in sè - chiunque lavora può commetterne - ma per il fatto che i soggetti coinvolti nella causa sono tutti lavoratori disoccupati, e la Fiom stessa non ha mai proposto loro un risarcimento adeguato e dignitoso per l'ingente danno provocatogli. Motivo per cui ho deciso di ricorrere in Corte D'Appello, con prossima udienza fissata per il 6 febbraio del 2016 per continuare insieme a loro una battaglia di giustizia e civiltà giuridica".
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

18
aprile
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login