home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
ECONOMIA E LAVORO
TURISMO - VINO E SAPORI
Precedente  Successivo
 
24/03/2015Adriana Cesarò - Giornalista
 
 
AL VINITALY IL PISCO È PERÙ
 
 


Al 49° Vinitaly di Verona, in programma dal 22 al 25 marzo, dal poetico slogan “Another love story in Verona”, ha suggellato, nel primo giorno di apertura della fiera, la presentazione e degustazione del Pisco peruviano, un appuntamento di grande interesse da parte del folto pubblico.
La presentazione si è svolta, domenica 22 marzo, presso il Padiglione VinInternational vetrina di eventi relativi alla degustazione ed incontri che, ogni anno vengono diversificati nel promuovere nuovi contatti, che coinvolgono sia i visitatori che i professionisti del settore e dei vari produttori. Una ulteriore opportunità per conoscere, apprezzare ed investire sul Pisco peruviano, distillato di uva d'eccellenza e di Bandiera.
La presentazione ha interessato alcune delle varietà ammesse dalle regole di produzione come: Quebranta, Torontel, Mosto Verde Quebranta, Italia, Moscatel, Albilla e Acholado.
La scelta delle uve e del grado di fermentazione è importante per la determinazione delle varie tipologie: Pisco Puro non Aromatico (viene ottenuto da un solo tipo di uve non aromatiche come: Quebranta, Mollar Negra, Negra Corriente e Uvina). Pisco Puro Aromatico (ottenuto da un solo tipo di uve aromatiche come: Italia, Moscatel, Torontel e Albilla). Pisco Acholado “mescolato” (elaborato con diverse uve “pischere”, si tratta di un blend. Pisco Mosto Verde (ovvero mosto ottenuto dalla distillazione di un mosto parzialmente fermentato, per questo definito verde). Le lavorazioni di Pisco Puro e Acholado, hanno bisogno di circa dieci kg d'uva per ogni bottiglia, mentre per il Pisco Verde, dettato dalla particolare tecnica, richiede una grande quantità di materia prima.
Il buon Pisco si distingue dagli altri distillati per l'utilizzo dell'uva “pischera” e dal particolare processo di distillazione di mosto fresco in assenza di acqua. Il colore trasparente, il gusto forte e deciso, l'odore delicato e profumato lo rendono unico e inimitabile. Il nome Pisco deriva dalla città portuale di Pisco, luogo di imbarco del distillato verso la Spagna a partire dal XVI secolo. Ma potrebbe derivare, anche dalle anfore d'argilla, in cui veniva conservato, chiamate in lingua locale piskos.
Una vasta gamma di bottiglie di Pisco erano esposte nello stand “Pisco è Perù” di Miryam Jara Villegas, responsabile e promotrice del Pisco in Olanda e rappresentante della “Damas del Pisco”, Associazione fondata dalla presidente Gladys Torres Urday.
Juanita Martinez Gonzales, prima Dama del Pisco che, con le sue tre figlie: Cecilia (vice presidente della “Damas del Pisco”), Consuelo e Rosario Gonzales sono a capo dell'azienda di produzione del Pisco “Tres Generaciones”.
Vedere altre foto negli allegati
 

Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3
Allegato 4
Allegato 5
Allegato 6
Allegato 7
Allegato 8

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

19
agosto
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login