home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
VOLONTARIATO
SPETTACOLI - CINEMA
Precedente  Successivo
 
24/06/2014A.N.G.S.A. Piemonte sez. di To
 
Una scottante storia vera, raccontata con estrema sensibilità e poetico pudore
 
"PULCE NON C'È" IL FILM
 
Pulce ha nove anni, due occhioni accesi e ascolta solo il tango: non parla perchè è autistica ma questo non significa che non abbia niente da dire. Un giorno come tanti viene portata via dalla sua famiglia senza troppe spiegazioni...
 
Dal 03/07 al 09/07 Cinema Eliseo, Via Monginevro 42 - Torino - Tel. 011.4475241, e dal 03/07 al 09/07 Cinema Nazionale, Via Pomba 7 - Torino Tel. 011.8124173. Orari spettacoli 16.00 - 18.00 - 20.00 - 22.00

Giovanna Camurati è una ragazzina di tredici anni come tante altre, con l'avventura della crescita da affrontare e una timidezza che la spinge a scrutare il mondo da un'angolazione privilegiata, senza esserne travolta e senza essere vista. Giovanna ha una mamma e un papà come tanti altri, che, tra alti e bassi, tengono le redini di una famiglia un po' speciale. Perché al centro di questa famiglia c'è la piccola Pulce, per gli altri Margherita, la sorellina di Giovanna. Pulce ha otto anni, va pazza per il tamarindo, la musica di Bach e il tango. Pulce non parla, perché è autistica, ma questo non significa che non sappia comunicare. Un giorno, però, la mamma va a prenderla a scuola e scopre che Pulce non c'è. È stata portata in una comunità: il padre è sospettato di avere abusato di lei.
È così che inizia l'incubo giudiziario, e non solo, di una famiglia già segnata dalla presenza di una malattia ingombrante, una malattia troppo spesso ignorata o travisata da chi non ci ha mai avuto a che fare. Fin dalle prime sequenze, emerge la netta contrapposizione tra la famiglia protagonista e gli altri. C'è un "noi" e un "loro" in questa vicenda. E la separazione tra i due mondi si allarga sempre più, man mano che l'ostilità reciproca aumenta. Ma anche prima che l'ombra del sospetto travolga ogni relazione con l'esterno, la famiglia Camurati è costretta a scontrarsi con la rigidità e la palese inadeguatezza di istituzioni che, a più livelli, non sanno sostenere la malattia, per mancanza di fondi, certo, ma soprattutto per scarsa preparazione e indifferenza. Così, come molte altre famiglie italiane che devono affrontare la disabilità, i Camurati sono lasciati soli, con il peso dell'handicap che ricade unicamente sulle loro spalle. Sopperiscono alle mancanze esterne con l'amore e l'accettazione.
Se per gli altri Pulce è un trattato di medicina, per Giovanna è la sorellina «anticonformista», che si ribella alle logiche imposte dall'esterno. Per Giovanna non c'è niente di più normale. Ciò che non è normale, e che non capisce, è l'accusa che distrugge la sua famiglia, portandole via l'amata Pulce. È attraverso i suoi occhi timidi e profondi che guardiamo a questa storia sconvolgente. Una storia vera, tratta dal libro scritto dalla Giovanna in carne e ossa, l'esordiente Gaia Rayneri, che ha collaborato alla stesura della sceneggiatura. Rispetto al romanzo omonimo, il film di Giuseppe Bonito ha una struttura un po' più corale, che alterna il punto di vista di Giovanna a quello della madre e del padre. Due modi diversi di reagire alla malattia prima e all'accusa poi: lei con l'ansia e l'emotività, lui con la chiusura e il distacco apparente. Due caratteri diversi, resi con verità dalle interpretazioni misurate di Marina Massironi e Pippo Delbono, bravi a tradurre un'incomunicabilità di coppia che sorprendentemente li avvicina anziché separarli. Ma il punto di osservazione privilegiato resta quello di Giovanna, trascinata suo malgrado in un problema molto più grande dei primi batticuori dell'adolescenza che affliggono la sua amica del cuore. È grazie al suo filtro che la vicenda, per quanto scottante, è raccontata con estrema sensibilità e pudore.
Il regista, alla sua opera prima, non si lascia andare a facili sensazionalismi o pietismi. Avverte tutta l'urgenza di raccontare questa storia difficile, ma lo fa con un rispetto profondo nei confronti dei suoi protagonisti, uomini e donne in carne e ossa. Lo fa nel modo migliore, senza fronzoli da melodramma né retorica, con uno stile personale che procede per sottrazione e fa emergere da sé l'impatto della denuncia, senza alcuna forzatura. Grande merito, il suo, anche quello di avere scoperto un'interprete straordinaria, scovata con i casting nelle scuole torinesi. L'esordiente Francesca Di Benedetto conferisce a Giovanna la naturalissima delicatezza della Alba Rohrwacher delle prime interpretazioni. E vederla camminare insicura e trasognata per le strade di una Torino industriale, che ha i colori sbiaditi e nebbiosi di una città nordeuropea, conferisce al film il massimo della poeticità. (Annalice Furfari - www.mymovies.it)

DATA USCITA: 06 marzo 2014
GENERE: Drammatico
REGIA: Giuseppe Bonito
SCENEGGIATURA: Monica Zapelli, Gaia Rayneri
ATTORI: Pippo Delbono, Marina Massironi, Giorgio Colangeli, Francesca Di Benedetto, Ludovica Falda, Piera Degli Esposti, Elisa Catale, Rosanna Gentili, Anna Ferruzzo, Alberto Gimignani, Lucia Vasini, Tiziana Catalano
FOTOGRAFIA: Massimo Bettarelli
MONTAGGIO: Roberto Missiroli
PRODUZIONE: Overlook Production
DISTRIBUZIONE: Academy Two
PAESE: Italia
DURATA: 97 Min

Aggiornamento date e luoghi di proiezione su: https://www.facebook.com/PulceNonCeIlFilm
Il trailer ufficiale: https://www.youtube.com/watch?v=wdQWn0882Uo
in allegato la locandina
 

Allegato 1
Vai all'evento

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

05
luglio
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login