home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
SPETTACOLI - CINEMA
SPETTACOLI - MUSICA
Precedente  Successivo
 
22/02/2014Maurizio Scandurra
 
"Francesco Di Giacomo, il rock italiano perde una delle sue firme migliori"
 
"FESTIVAL DELLE FOTOCOPIE, GIUSY FERRERI E NOEMI LOOK DA CENTRO SOCIALE, ARISA CLONE DI IRENE FARGO E SILVIA SALEMI"
 
Le dichiarazioni di Maurizio Lorys Scandurra, critico musicale di Sanremonews.it
 
"Si salvano come sempre i grandi della musica: Gino Paoli, Renzo Arbore,
Claudio Baglioni"

Sanremo, lì 22-02-2014 - Il Festival delle fotocopie. Cominciamo da Arisa. Ve la ricordare al suo debutto fra i Giovani, qualche anno fa, capelli scuri, rossetto rosso fuoco da far da contrasto a un paio di occhialoni neri in stile professoressa ingessata delle scuole superiori con tanto di abitini improbabili? Forse qualcuno dimentica che nel 1991 si presentò a Sanremo una giovane cantante di Brescia, soprano lirico leggero, altro che voce da canzonetta, molto più bella e ben vestita, che incantò l'Ariston cantando "La donna di Ibsen", e l'anno successivo "Come una Turandot": brani di una complessità tecnica e un'intensità emotiva propria delle più grandi voci femminili italiane. Si chiama Irene Fargo, fu presto ingiustamente dimenticata ma poi riscoperta negli ultimi anni da Lucio Dalla - uno dei pochi eterni, immortali talenti che in fatto di musica ci ha sempre capito - e, guardacaso, aveva lo stesso look di Arisa: occhialoni neri, ma ben altro timbro ed estensione, e acconciatura migliore. Arisa si è poi trasformata, entrando nelle grazie di Mauro Pagani - osannato da certa sinistra come grande musicista - lo è veramente - di una certa intellighenzia di partito, ma per ben due anni fallimentare co-direttore artistico di Sanremo, nel malriuscito clone di Silvia Salemi, altra cantante di valore assente da un po' sulle scene: stessa acconciatura e trucco, ma molto sottotono in termini di brano e qualità vocali anche qui rispetto alla Salemi stessa. Chissà, forse la prossima volta la vedremo nei panni di Mina? Il dubbio resta. Giusy Ferreri e Noemi?: sembrano uscite da un negozio di stoffe dove al posto di un sarto c'è un anarchico cieco in stile centri sociali, che cuce a casaccio brandelli di tessuti, abbinandoli a improbabili tagli asimmetrici di capelli che non rendono omaggio al viso delle due giovani cantanti. Le quali pensano, erroneamente che un look d'effetto aiuti a coprire la mediocrità assoluta delle loro canzoni.
Sbagliato, è l'esatto contrario: casomai la accentuano fortemente, rendendola ancor più manifesta di quel che è. Il Festival delle fotocopie continua: nel 2008 fu esclusa Loredana Bertè (lei sì che è famosa davvero), la canzone non era inedita: stessa sorte è toccata quest'anno a un altro degli sconosciuti "Big" in gara, Riccardo Sinigallia. Fazio fintobuonista lo grazia come un confessore che assolve dal peccato più grave, invitandolo a cantare comunque il proprio brano fuori la serata finale, e l'artista ringrazia, dicendo egli stesso che è già un miracolo per lui aver ottenuto questa visibilità dopo anni che non se lo filava più nessuno. Meteora di passaggio bis, ma almeno onesto. Chi "salva"
il Festival? Gino Paoli, Claudio Baglioni, Renzo Arbore: insomma, gli amici di Fazio accorsi in massa sull'autoambulanza della musica italiana - quella vera - a cercare di rattopare inutilmente la troppo grande falla del Titanic degli ascolti, di un Sanremo in stile Costa Concordia che si inabissa sempre più, trasformando il viaggio degli ascolti tanto attesi da Mamma Rai da crociera di lusso annunciata in un naufragio senza fine. A rattristare la già triste e orribile settimana festivaliera, l'annuncio della scomparsa di un grandissimo del rock progressivo italiano: Francesco Di Giacomo, voce e leader del Banco del Mutuo Soccorso. E di soccorso, il Festival ne ha davvero un immenso gran bisogno, già a partire dal 2015, se vogliamo ancora dare dignità a questo glorioso nome della Tv di Stato. La vittoria di Rocco Hunt, nome da fumetto e look da scugnizzo fra i Giovani? E l'ora dei rapper. Non bastavano quelli già in circolazione, pure da Salerno arrivano ora! E' un genere musicale che non ci appartiene. Provate a immaginare un disco di classici napoletani interpretato da Eminem: qualcuno lo comprerebbe? E allora, siamo seri, almeno per una volta. Siamo gli alfieri della melodia nel mondo. Smettiamola di copiare, scimmiottando, l'estero, tiriamo fuori gli artigli, e prodighiamoci
nell'applicarci a fare ciò che ci riesce meglio di tutti nel mondo: scrivere
e cantare belle canzoni. Modugno docet.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

24
ottobre
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login