home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
SPETTACOLI - CINEMA
SPETTACOLI - MUSICA
Precedente  Successivo
 
20/02/2014Maurizio Scandurra
 
"Musica senza energia, scaletta priva di ritmo, mancanza di originalità autorale per la terza serata del Festival"
 
SANREMO 2014, MAURIZIO LORYS SCANDURRA: "CANTANTI CON IL CODICE A BARRE NEL DISCOUNT DELLA MUSICA ITALIANA"
 
"Bel monologo della Littizzetto sulla bellezza viziato però da due "vaffanculo", cantanti trattati come prodotti da scaffali da supermercato", dichiara il popolare critico musicale di Sanremonews.it
 


Sanremo, lì 21-02-2014 - "Sembra di essere al supermercato, con Fabio fazio in veste di scaffalista e la Littizzetto addetta alla Cassa Centrale o box informazioni che dir si voglia, pronta a dire qualsiasi cosa al microfono con quella voce fastidiosa per ogni buon udito. I cantanti sono nominati, anzi, etichettati con il codice a barre per il televoto, alla stregua di barattoli di pelati, scatolame, formaggi e salumi". Esordisce in maniera secca e decisa Maurizio Lorys Scandurra, giornalista, scrittore, autore e conduttore televisivo che guida gli opinionisti d'eccezione di Sanremonews.it. Con lui Antonio Lubrano, Monia Russo, Matteo Brancaleoni, Andrea Mingardi, Tullio De Piscopo, Silvia Mezzanotte dei Matia Bazar, l'hair stylist dei famosi Toni Matta e l'avvocato Patrizia Polliotto dell'Unione Nazionale Consumatori. "Per una volta, sarò breve. Lo giuro, non mi dilungherò oltremodo. Non ho davvero più alcuna voglia di farlo. Sono già abbastanza disgustato di come la Rai sperperi i denari del canone e dei privati che acquistano spot in un modo così inutile. Ho cose ben più importanti da fare durante il giorno che spendere parole e pezzi di cuore, per un passionale verace quale sono, sull'inutilità e la vacuità del Festival di Sanremo. Mi sembra di essere stato sinora l'opinionista che a livello nazionale, così come mi hanno scritto in molti, non ha avuto remore, nè peli sulla lingua. Quello che ha a buon diritto sparato a zero cum cognitio causae contro tutto e tutti. Contro quello che non va: l'intero Festival. E non tanto per fatto di gusto o un'inclinazione alla vis polemica, ma perchè la verità sia chiara sempre a chi legge. Per dovere morale, deontologico, professionale. Tanto Fazio & Company fanno sempre quel che vogliono, qualunque cosa uno scriva", spiega Maurizio Lorys Scandurra. Per poi proseguire: "E ogni giorno il terreno degli ascolti gli frana sotto i piedi - esiste ancora fortunatamente una Giustizia divina - con buona pace degli investitori pubblicitari della Rai che, se fossi io tra loro, chiederei l'ìmmediata risoluzione del contratto, i soldi eventualmente versati inditero con tanto di interessi, battendo i pugni sul tavolo con forza. Flop su tutta la linea. Ma come si fa a fare ascolti con perfetti sconosciuti come Renzo Rubino, Riccardo Sinigallia e simili? Per poi rattoppare con i soliti grandi come Renzo Arbore, Fraanca Valeri, Gemelle Kessler, Raffaella Carrà e Claudio Baglioni? I Perturbazione: "Carneade, chi era costui?" esclamerebbe stupito il Manzoni, se solo se li trovasse davanti agli occhi. A questo punto potevano starci bene anche Giuliacci e buonanima del colonnello Bernacca. Un'idea geniale che regalo a uno come Fabio Fazio che da anni conduce un programma a tutta sinistra dal titolo "Che tempo che fa" semmai, dubito fortemente, rifarà ancora Sanremo. Spero proprio di no! Almeno avremmo avuto degli ottimi meteorologi sul palco. Magari poteva far cantare anche Luca Mercalli .Chissà come se la sarebbero cavata con microfono e orchestra. Di sicuro cento, mille, infinite volte meglio di questi pseudobig, eccetto qualcuno", dichiara. Per poi concludere: "E ora uno sguardo rapido ai cantanti. A cena con Giusy Ferreri? Neanche per sogno, meglio due ore di straordinario in fabbrica in più. Perturbazione sottotono, Francesco Sarcina non convince come operazione ripescaggio da ex frontman de Le Vibrazioni (gruppo che ha fallito in pieno l'obiettivo di una carriera, surclassato e superato da Modà e Negramaro), Frankie Hi Nrg mc sembra dire a se stesso "Pedala" e titolo più azzeccato non poteva trovare per girare i tacchi e tornare a casa ed esprimere quel che gli italiani pensano di lui: con Sanremo è incompatibile, come il diavolo e l'acqua santa. A questo Festival manca l'energia della musica e l'originalità della scaletta. Antonella Ruggiero fa esercizi di lirica con continui saliscendi di note di varia altezza, Renga spera in un miracolo comke fu nel Sanremo 2005 targato Poalo Bonolis, Raphael Gualazzi farebbe bene a suonare solo il piano: non ha la voce, la grinta, il carisma e neanche l'aspetto degli scatenati soulman come Stevie Wonder, Andrea Mingardi, Zucchero, tanto per citarne alcuni. Per una volta tanto, spezzo invece una lancia a favore di Luciana Littizzetto: riuscito monologo sulla bellezza, a volte toccante, a volte più populista, ma senza quei due "vaffanculo" avrebbe guadagnato un milione di punti in più. Ma, si sa, per dirla con Andrea Mingardi, 'nessuno siam perfetti, ciascuno abbiamo i suoi difetti' ".





 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

26
maggio
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login