home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
VOLONTARIATO
TURISMO - ALTRE ATTRATTIVITÀ
Precedente  Successivo
 
06/11/2013Adriana Cesarò - Giornalista
 
 
ELISA ISOARDI PRESENTERA' LA XIV ASTA MONDIALE DEL TARTUFO BIANCO D'ALBA
 
I fondi raccolti saranno devoluti alla Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro Onlus di Candiolo (To) e contribuiranno inoltre all'acquisto di una nuova apparecchiatura Tac (tomografia assiale computerizzata) per l'ospedale “San Lazzaro” di Alba
 


Attesissima la XIV Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba che, riparte domenica 10 novembre 2013, dopo un anno di pausa. Grinzane Cavour “chiama” Hong Kong. Un'intensa ed emozionante asta fatta di rilanci che, coinvolgeranno gli ospiti delle sale del magnifico Castello di Grinzane Cavour. Conduttori e battitori d'eccellenza saranno: il Gastronauta Davide Paolini, giornalista ed esperto di enogastronomia, un amico e habitué dell'Asta e la presentatrice Elisa Isoardi, cuneese doc volto della tv ammiraglia Rai e Fabrizio Del Noce, giornalista, già direttore di Rai Uno e attualmente presidente Reggia di Venaria Reale. I rilanci concitati tra gli intervenuti al Castello e gli ospiti nell'altra parte del mondo, animeranno i buongustai e gli esperti dell'alta cucina e dell'imprenditoria più illuminata, ad intrecciare e favorire l'aggiudicazione all'incanto dei migliori esemplari di Tartufo Bianco d'Alba. I magnifici gioielli della terra, di pezzature crescenti, a mano a mano che, la sfida tra i gourmet si inoltra verso il gran finale, saranno contesi tra il parterre riunito nella struttura un tempo residenza dello statista Cavour e le lontane lande orientali, in quel di Hong Kong, tramite il collegamento satellitare. Nella metropoli cinese la location dell'Asta sarà nuovamente il ristorante 8 1/2 Otto e Mezzo Bombana dello chef tre stelle Michelin Umberto Bombana, presso il quale si troverà il presidente del Consorzio di Tutela Barolo e Barbaresco, Pietro Ratti. Ad ogni lotto mandato all'asta a Grinzane, ad Hong Kong verrà infatti abbinato un magnum di Barolo e di Barbaresco. Una entusiasmante anteprima dell'Asta si svolgerà già, sabato 9 novembre, a partire dalle ore 18,30 presso il Boscareto Resort and Spa di Serralunga d'Alba: una sfida gastronomica all'ultimo piatto vedrà ai fornelli un gruppo di giornalisti, che dovranno fare sapiente uso nelle loro preparazioni del pregiato Tartufo Bianco d'Alba. I piatti saranno valutati da una giuria presieduta da importanti chef. Il ricavato dell'Asta Mondiale del Tartufo Bianco d'Alba, come da tradizione, viene destinato a iniziative ad alto contenuto sociale e solidale e ad enti che operano in Italia e all'estero. Per quanto riguarda il territorio patria dell'evento, i fondi raccolti saranno devoluti alla Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro Onlus di Candiolo (To) e contribuiranno inoltre all'acquisto di una nuova apparecchiatura Tac (tomografia assiale computerizzata) per l'ospedale “San Lazzaro” di Alba. A Hong Kong le risorse verranno destinate all'Istituto Mothers's Choice che provvede a dare sostegno ai bimbi orfani e alle giovani mamme in. Nel corso dell'evento, saranno attribuiti gli speciali riconoscimenti di “Ambasciatore del Tartufo Bianco d'Alba nel mondo” a campioni della cucina nazionale e internazionale e precisamente agli chef: Emmanuel Renaut del ristorante Flocon De Sel di Megève, Francia (tre stelle Michelin); Bernard Pacaud del ristorante L'Ambroisie di Parigi, Francia (tre stelle Michelin); Nino di Costanzo di Ischia (2 stelle Michelin). Anche alcuni chef emergenti saranno destinatari dell'attestato. Si tratta di: Tomaz Kavcic del Gostilna Pri Lojzetu di Zemono (Slovenia); Christian Milone della Trattoria Zappatori di Pinerolo (To); Giuseppe Iannotti del ristorante Kresios di Telese Terme (Bn); Eugenio Boer dell'Elita Bar di Milano. Tomaso Zanoletti, presidente dell'Enoteca Regionale Piemontese Cavour: “L'Asta è un momento importantissimo per la promozione del territorio che utilizza il suo principale frutto, il tartufo, come veicolo di prestigio, riconoscibile in tutto il mondo e apprezzato dai palati più raffinati del pianeta. I risultati in termini di visibilità internazionale sono eccezionali e si riverberano su tutti i prodotti eccellenti delle Langhe e del Roero. E' dunque una consuetudine che riprendiamo con piacere ed orgoglio, sapendo che nel contempo riusciremo a distribuire risorse economiche per finalità benefiche, riproponendo il binomio ormai consolidato tartufo-solidarietà. Auspichiamo che anche la numero XIV sia una grande ed emozionante edizione”. Pietro Ratti, presidente del Consorzio di Tutela Barolo e Barbaresco: “L'Asta sarà un evento unico al mondo: tartufo, Barolo e Barbaresco sono un'eccellenza non solo del Piemonte ma del made in Italy che si allea su mercati emergenti come quelli asiatici. Andranno all'asta per beneficenza – abbinate al tartufo - storiche annate dei nostri migliori vini: sessanta bottiglie firmate dai grandi vignaioli che hanno scritto la storia della Langa. Anche i formati saranno esclusivi: ci saranno Magnum, doppi Magnum (3 litri) e Jéroboam (5 litri). Tartufo e vini importanti come Barolo e Barbaresco sono considerati beni di lusso e quindi rappresentano uno status symbol per i nuovi consumatori asiatici. L'Asta è insieme un'alleanza di territorio, uno sguardo attento a quello che sarà il mercato del futuro e una mano tesa ai bisognosi. Tre buoni motivi per esserci”. Antonio Degiacomi, presidente dell'Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba: “L'Asta è un evento di altissimo livello, a partire dal valore di beneficenza e di solidarietà costituito dalla devoluzione delle somme raccolte a cause meritorie. Il tartufo è un prodotto molto importante perché porta con sé l'immagine di un'intera zona e dei suoi prodotti, dai vini alla cucina, all'ospitalità. Il fatto che ancora una volta l'Asta si svolga in contemporanea con Hong Kong denota l'interesse del continente asiatico verso questo territorio, del quale iniziamo a vedere le concrete conseguenze: molti infatti sono i volti, tra i turisti che affollano le vie albesi e le location di Langhe e Roero, che tradiscono una provenienza orientale. Il tartufo, insomma, è un simbolo e un ambasciatore nel mondo, nonché un'ottima promozione in Paesi emergenti del panorama economico internazionale”. Alberto Cirio, assessore regionale al Turismo e alla Tartuficoltura: “L'Asta è l'evento di immagine più forte dell'anno. Un evento di grande impatto mediatico che siamo riusciti a realizzare senza gravare sulle casse della Regione reinvestendo le quote ricavate dai tesserini dei trifulau, con un meccanismo virtuoso che fa sì che il mondo del tartufo alimenti se stesso. Inoltre la diretta con la Cina, quest'anno, sarà particolarmente importante, perché parliamo di un mercato con cui abbiamo stretto da poco un patto ufficiale: il Piemonte, infatti, è tra le prime regioni italiane ad aver formalizzato un Protocollo d'Intesa con il Governo cinese per sviluppare nuove sinergie economiche tra le nostre aziende, con particolare attenzione all'appuntamento dell'Expo 2015 che, tra l'altro, avrà come focus proprio il cibo”.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

19
agosto
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login