home piemontepress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
ARTE E CULTURA - MOSTRE
ARTE E CULTURA - LETTURE
Precedente  Successivo
 
25/09/2013Fondazione Bottari Lattes
 
 
DUE MOSTRE PER I 90 ANNI DALLA NASCITA DI MARIO LATTES
 
La Fondazione Bottari Lattes rende omaggio al pittore e scrittore con la personale ad Acqui Terme e la mostra di incisioni a Torino
 


“Personale Mario Lattes” - ACQUI TERME, Galleria Massucco (corso Roma 18)
Inaugurazione: giovedì 3 ottobre, ore 18
Mostra: dal 3 ottobre al 9 novembre
(da martedì a sabato 9.30-12.30; 15.30-19.30)

“Mario Lattes. Incisioni” – TORINO, Spazio Don Chisciotte (via della Rocca 37)
Inaugurazione: martedì 8 ottobre, ore 18
Mostra: dall'8 ottobre al 9 novembre
(martedì-giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato 10-12.30; 15.30-19.30)

www.fondazionebottarilattes.it

Due mostre per i 90 anni dalla nascita di Mario Lattes, pittore eclettico, artista raffinato e sperimentatore di tecniche e linguaggi eterogenei, ma anche scrittore, editore e ideatore di iniziative culturali. Due mostre organizzate dalla Fondazione Bottari Lattes per rendere omaggio alla prolifica attività artistica di Lattes: la personale di olii su tela alla Galleria Massucco di Acqui Terme (Al), curata da Marco Vallora, inaugura giovedì 3 ottobre alle ore 18 (fino al 9 novembre con orario: da martedì a sabato 9.30-12.30; 15.30-19.30); la mostra di incisioni allo Spazio Don Chisciotte di Torino, curata da Vincenzo Gatti, apre al pubblico mercoledì 9 ottobre (fino al 9 novembre con orario: martedì-giovedì 15.30-19.30; venerdì e sabato 10-12.30; 15.30-19.30).

Personale di Mario Lattes, “L'Io spezzato”
(3 ottobre – 9 novembre, Acqui Terme, Galleria Massucco)
La personale “L'Io spezzato” propone una selezione di più di quaranta olii su tela di Mario Lattes, alcuni raramente esposti. Ripercorre un'avventura artistica poliedrica che abbraccia mezzo secolo di attività pittorica, dagli anni Cinquanta agli anni Novanta. Con questa mostra il curatore Marco Vallora, secondo cui Lattes è sempre là dove non te lo attendi, anche tecnicamente, mette al centro dell'attenzione le opere maggiormente cariche di suggestioni visive e di forza espressionista.
Info al pubblico: 0144 321967 – info@galleriamassucco.com

“Mario Lattes. Incisioni”
(8 ottobre – 9 novembre, Torino, Spazio Don Chisciotte)
Con una ventina di fogli in esposizione, la mostra – spiega il curatore Vincenzo Gatti – presenta una piccola antologia della vastissima produzione incisoria di Mario Lattes che comprende più di 400 fogli realizzati tra gli anni Cinquanta e gli anni Novanta.
Per l'artista l'incisione ha rappresentato una forma artistica compiuta, paritaria e strettamente connessa alla sua pittura: anzi, di questa quasi un completamento e un affinamento, suscitatrice di nuove e inusitate emozioni. Lattes, in particolare, subisce la fascinazione dell'ambiguità e del mistero della tecnica che esalta la fecondità del dubbio. Scrive: “...Mezzo figurale come la pittura, l'acquaforte è - per così dire - il suo contrario, la sua ombra...”.
In maniera unica l'incisione può fermare, attraverso le fasi di lavoro documentate dagli “stati”, il flusso della memoria , facendo di questi altrettante pagine di un diario visivo.
Ancora Lattes: “...l'acquaforte cresce di nascosto essendo di natura notturna: la sua esecuzione conduce per lunghe oscurità le immagini che l'artista ha scelto alla luce del giorno e son destinate, in quel buio, ad esser tradite o illuminate...”
Le opere del periodo iniziale sono caratterizzate dall'uso “espressionistico” della puntasecca, mentre dagli anni Sessanta le tecniche si fanno più sofisticate e complesse (acquaforte, acquatinta, vernice molle, ossidazioni...), usate insieme per raggiungere quel grado d'intensità voluto dall'artista. Si ricordano, ad esempio, incisioni come “ La scansia”, dove torna l'immaginario pittorico di Lattes (oggetti, bambole, inquiete presenze nello studio...) esaltato dalla fascinazione del bianco e nero.
Tuttavia, quando l'ispirazione lo richiede, l'artista, fecondissimo e infaticabile disegnatore, si abbandona all'agile scorrevolezza del puro segno, diretto ed energico, ma capace di fulminei squarci di autentico lirismo.
Info al pubblico: 011 19771755 – segreteria@spaziodonchisciotte.it

Photogallery: www.fondazionebottarilattes.it

Le altre iniziative per i 90 anni dalla nascita di Lattes

• I libri di Mario Lattes
Giovedì 3 ottobre ad Acqui Terme, dopo l'inaugurazione della personale di Lattes, saranno presentate le nuove edizioni de L'incendio del Regio e Il borghese di ventura (Marsilio, rispettivamente 2011 e 2013). L'appuntamento rientra nell'ambito delle iniziative del Premio Acqui Storia e si svolgerà alle ore 21.15 presso la sala conferenze di Palazzo Robellini (piazza Levi 5). Intervengono il docente e critico letterario Valter Boggione e il critico d'arte Marco Vallora. Introduce Carlo Sburlati, responsabile esecutivo del Premio Acqui Storia.

• Il Premio per l'incisione e il catalogo generale
Per rimarcare l'appassionato e costante interesse di Mario Lattes per la grafica incisa, nel 2014 la Fondazione Bottari Lattes istituirà il “Premio Mario Lattes per l'incisione”, riservato agli studenti del corso di Incisione delle Accademie di Belle Arti italiane, e pubblicherà il Catalogo generale delle incisioni di Mario Lattes.

• Il Premio Bottari Lattes Grinzane per la narrativa
Giunto alla terza edizione, il Premio, dedicato a Mario Lattes, incontrerà a Torino i vincitori 2013.
Venerdì 11 ottobre alle ore 10,30 (Aula Magna Liceo Massimo D'Azeglio - via Parini 8) gli scrittori finalisti della sezione Il Germoglio – Chad Harbach, Zeruya Shalev e Melania Mazzucco – dialogheranno con gli studenti delle scuole piemontesi. Sempre venerdì 11, alle ore 18 Alberto Arbasino, vincitore della sezione La Quercia intitolata a Mario Lattes, terrà una lectio magistralis al Piccolo Regio (piazza Castello 215). Infine, la cerimonia di premiazione di tutti i vincitori si svolgerà sabato 12 al Teatro Gobetti a partire dalle ore 16.30 (via Rossini 8).


Note biografiche

Mario Lattes (Torino 1923-2001), pittore, scrittore ed editore, ha compiuto le prime esperienze nei campi dell'arte e della cultura nel capoluogo piemontese.
La sua pittura, dopo un iniziale periodo informale, è sempre stata figurativa, con valenze visionarie e fantastiche, tale da evocare illustri discendenze, da Gustave Moreau a Odilon Redon a James Ensor. La pittura, le incisioni e i romanzi sono legati da un forte filo di comunanza, talvolta anche nella scelta di soggetti identici, trasfigurati dalla diversità dei mezzi espressivi.
Ebreo laico, uomo solitario e complesso, la sua arte risente delle vicende e della psicologia di questo popolo: umorismo amaro e sarcastico, pessimismo e lontananza. Torino, però, è sempre stata la sua unica e vera città.
Dopo la Seconda guerra mondiale si dedica alla casa editrice torinese Lattes, fondata nel 1893 dal nonno Simone. Del 1947 è la sua prima mostra alla galleria La Bussola di Torino, a testimonianza delle maturate esperienze artistiche. Negli anni Cinquanta allestisce personali a Torino, Roma, Milano e Firenze e partecipa con successo a due edizioni della Biennale di Venezia. Segue una regolare attività espositiva in tutta Italia. A Torino molte gallerie ospitano sue personali tra gli anni Cinquanta e Novanta (Galatea, Viotti, Arte Antica, I Portici, Davico, Tuttagrafica, Arte Club, L'Acquaforte). Non mancano sue importanti presenze anche a Milano (galleria il Naviglio, il Milione, galleria 32), a Firenze (galleria La Strozzina) e a Bologna (galleria Forni).
Nel 1953 fonda la rivista Galleria che dall'anno seguente, con il titolo Questioni, diventa voce influente del mondo culturale piemontese e non solo. Vi partecipano intellettuali italiani e stranieri come Nicola Abbagnano, Albino Galvano e Theodor Adorno.
Dopo la sua scomparsa, importanti istituzioni gli hanno dedicato antologiche e retrospettive, come la Fondazione Peano di Cuneo, la Galleria d'arte contemporanea Carlo Carrà di Alessandria, la Fondazione Bottari Lattes di Monforte d'Alba. Si ricorda, in particolare, la grande rassegna Mario Lattes. Di me e d'altri possibili, curata da Marco Vallora presso l'Archivio di Stato di Torino nel 2008, che ben ha messo in luce i diversificati interessi dell'artista e i variegati aspetti della sua intensa ricerca.
Tra il 1959 e il 1985 pubblica diversi di romanzi, tra cui: La stanza dei giochi (Editrice Ceschina, 1959), Il borghese di ventura (Einaudi, 1975), L'incendio del Regio (Einaudi, 1976; Marsilio, 2011), L'amore è niente (Editore La Rosa, 1985).

Info al pubblico:
Galleria Massucco: 0144 321967 - info@galleriamassucco.com
Spazio Don Chisciotte: 011 19771755 - segreteria@spaziodonchisciotte.it
Fondazione Bottari Lattes: 0173.789282 - eventi@fondazionebottarilattes.it - @BottariLattes
Ufficio Stampa:
Paola Galletto – galletto@salonelibro.it – 011.5184268 int.907 – 340.7892412
Silvia Barberi – barberi@fondazionebottarilattes.it
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

25
giugno
tasto
tasto
karon

Facebook Google RSS



img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province del Piemonte
   

Cerca le biblioteche del Piemonte
   

PiemontePress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine del Piemonte
   

MEDIA PARTNER

rete biella La Gazzetta del Canavese
L'Eco del Chisone L'Eco Mese
Primaradio Radio Juke Box
Telemonterosa Radio Valle Belbo
La Pancalera

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login